Gohan – Riso Giapponese

Ogni cucina ha le sue ricette “base”, quelle preparazioni fondamentali senza le quali gran parte dei piatti non possono essere preparati. Il “Gohan”, ossia il classico riso bianco giapponese, è proprio una di queste: viene condito e usato per il sushi, servito a parte con la zuppa di miso, riempito per gli onigiri, fatto saltare in padella e, insomma, usato quotidianamente nella cucina giapponese. Una volta preparato potrete usarlo per un’infinità di preparazioni o, come ho fatto io nella foto del post, servirlo come base per verdure.


Ingredienti:

  • Riso “per sushi” o, in alternativa, riso “originario”, 2 bicchieri
  • Acqua, 2 bicchieri

Procedimento:

  • Versate in un colino capiente il riso, ponetelo sopra ad una pentola e iniziate riempirla d’acqua. Una volta che il riso è ricoperto di acqua mescolatelo per tre o quattro volte, come per sciacquarlo. Alzate il colino e buttate l’acqua che sarà torbida a causa dell’amido del riso. Ripetete il procedimento per almeno 6-8 volte, o comunque fino a quando l’acqua non sarà visibilmente più limpida.
  • Versate il riso nella pentola e successivamente anche i due bicchieri di acqua. Aggiungete poi un ulteriore dito di acqua e coprite con il coperchio.
  • Mettete sul fornello a fuoco alto e, appena il riso inizierà vigorosamente a bollire, abbassate il fuoco al minimo e lasciate cuocere per 10-11 minuti.
  • Terminato il tempo spegnete il fuoco ma abbiate cura di non apre il coperchio ancora per 3 minuti, in modo che la parte del riso a contatto con il fondo della pentola non bruci ma il processo di cottura continui ancora.
  • Passati questi altri pochi minuti aprite il coperchio e mescolate delicatamente il riso per staccarlo dalla pentola.


Note Alla Ricetta:

  • La tipologia di sushi usato in Giappone in Italia difficilmente si riesce a trovare, se non come “riso per sushi”, tuttavia un ottimo compromesso (dato che il “riso per sushi” ha un costo non conveniente) è quello di comprare il riso “originario” dal chicco piccolo e tondo.
  • Le dosi con il riso classico sono sempre 1:1 o, come preferisco dire io, 1:1eunpo’ nel senso che va messa la stessa quantità di riso e di acqua e poi aggiunta ancora una piccola quantità di acqua (circa un dito), questo eviterà che il riso risulti lievemente crudo per aver assorbito troppo velocemente tutta l’acqua.
  • Diversi tipi di riso vogliono diverse proporzioni di acqua. In generale più il riso impiega tempo a cuocere e più vuole acqua. In calce vi lascio una piccola lista di alcune varietà di riso da me provate con le relative dosi.
  • Se desiderate avere un riso lievemente saporito, si può aggiungere del sale dentro la quantità di acqua e farlo sciogliere prima di far partire la cottura.

Dosi per tipo di riso

  • Riso integrale: 1:1,5. Es. 2 parti di riso e 3 di acqua (2 come il riso più mezza, quindi 2+1)
  • Riso rosso integrale: 1:2. Es, 2 parti di riso e 4 di acqua. Da notare che questo tipo di riso non va sciacquato in quanto non rilascia amido se immerso in acqua.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...